Rigatoni con Pajata

Il suo sapore deciso  la rende inconfondibilmente uno dei capisaldi delle cucina romana.

Per pajata si intende l’intestino tenue del vitello da latte, pulito ed eviscerato ma non privato del latte bevuto dal piccolo bovino.

Come molte altre ricette della cucina romana è previsto l’utilizzo delle interiora di animali, vedi anche la coratella.

Per il momento Le Norme comunitarie hanno vietato l’utilizzo delle interiora di vitello quindi negli ultimi anni la pajata ovina rappresenta l’unica alternativa, ad ogni modo la comunità romana è scesa in campo per una “gastro-battaglia”.

Si attende con ansia il ritorno alla tradizione del piatto originale.

La pajata, oltre che nella classica ricetta che la vede accompagnata dai rigatoni al sugo, piatto secolare della tradizione laziale, è ottima se cucinata come secondo piatto.